Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Un’antenna installata in una sola notte, parte la petizione: «Illegittima ed altamente pericolosa»

20 / 04 / 2015

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Una petizione on line per la rimozione dell’impianto di comunicazione elettroniche in via Napoli a Santa Maria a Vico per i rischi salutari a cui sono esposti i cittadini della zona. «La presente petizione è finalizzata a richiedere l’annullamento della SCIA presentata in data 11.12.2014 prot.n.14711 per evidente illegittimità ed inficiata nella procedura – si legge nella petizione - con conseguente immediato blocco e/o impedimento della messa in funzione dell’impianto, realizzato con la omessa e dovuta trasparenza e pubblicità per la costruzione di un impianto potenzialmente pericoloso per la salute dei residenti coattivamente sottoposti a radiazioni elettromagnetiche, più o meno alte, senza un valido parere preventivo atto a valutare effettivamente, prima dell’entrata in funzione, l’opportunità della installazione di un simile impianto nel sito prescelto, previa ampia valutazione dei vantaggi e svantaggi dell’impianto e/o dell’impossibilità di collocarlo in altro sito non così densamente abitato e a debita distanza dalle camere da letto dei cittadini». I promotori della petizione, inoltre, annunciano la diffida alla società installatrice Linkem S.p.a ed i proprietari dello stabile sul quale si trova l’impianto. «La SCIA è stata presentata all’Uffico Tecnico del Comune diretto dall’ingegnere G.Isoletti e riguardante l’intervento sulla sua diretta proprietà – spiegano - l'atto andava  notificato all’amministrazione comunale e pubblicizzato con la richiesta dei necessari chiarimenti sulla pericolosità dell’opera. L’amministrazione comunale (sindaco, assessore all’Ambiente) di tale importante richiesta interessante la salubrità dell’ambiente e la salute pubblica, essendo nota la pericolosità di tali installazioni a causa delle radiazioni elettromagnetiche che emettono, afferma di essere venuti a conoscenza dell’opera solo a causa della protesta dei cittadini residenti ad opera realizzata, senza che nessun organo competente comunale potesse esprimere eventuali perplessità o motivi ostativi alla sua realizzazione, semplicemente perché si ignorava che fosse stata presentata una simile richiesta. Inoltre, in una sola notte, l’opera veniva realizzata talché tutti hanno rilevato la presenza del grosso traliccio munito di trasmettitori, magicamente sorto sul torrino scala del fabbricato Isoletti. E’ chiaro, invece che un’opera del genere, che comporta grave pericolo di radiazioni nocive alla salute di chi viene colpito, soprattutto in vicinanza dell’impianto (il raggio di pericolo è più di 1 Km), andava studiata e monitorata, soprattutto in relazione al sito prescelto e situato centralmente ad una zona densamente abitata nella quale tutti, uomini, donne e bambini sono sottoposti a radiazioni nocive, qualunque sia la loro intensità». I promotori contestano il rinvio dei controlli dopo l’installazione dell’impianto: «E’ come se prima si collaudasse la struttura di un ponte, sul quale cominciano a circolare le auto e poi si facessero le prove sui materiali usati». Sulla questione è intervenuto anche il sindaco Alfonso Piscitelli che ribadisce: «In merito all’installazione del ripetitore della Società Linkem sull’edificio di via Napoli, non ho difficoltà a rendere noto che sono stato colto di sorpresa come il resto della cittadinanza. Non ho ricevuto nessuna comunicazione, né ufficiale né ufficiosa, da parte di chi avrebbe dovuto mettere al corrente l’amministrazione ed il sottoscritto».  Così il sindaco Alfonso Piscitelli, che biasima senza mezzi termini l’assenza di buona educazione dell’ufficio di competenza, e aggiunge:  «Di fronte a una così inusuale gestione della procedura ho dato immediato mandato diemissione di un’ ordinanza, nei confronti della Società Linkem,di spegnimento dell’impianto “in attesa di approfondimenti ed accertamenti di natura tecnico-ambientale, per l'emissione di un provvedimento a tutela della salute pubblica».

 

santa maria a vico antenna installata via napoli illegittima pericolosa
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.