Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Rissa dopo la sfida al 'Gran Torneo dei Quartieri'. Il sindaco minaccia di fermare l'evento

05 / 09 / 2016

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Giorni di divertimento macchiati da una rissa 'poco sportiva'. E' quello che è accaduto a Sessa Aurunca e che sta mettendo a rischio il prosieguo della manifestazione 'Gran Torneo dei Quartieri'. Tutta colpa di una rissa cha ha visto protagonisti un gruppo di ragazzi in piazza Mercato subito dopo la sfida del tiro alla fune, avvenuta sotto gli occhi di numerosi cittadini ed avventori. Una brutta scena che ha spinto il sindaco di Sessa Aurunca Silvio Sasso a minacciare di sospendere la 18esima edizione. "Non c'è alcun dubbio - ha scritto il primo cittadino su Facebook - che in un evento collettivo ci sono responsabilità diverse, per peso, per impegno, per ruolo, compreso chi si limita a tifare o ad osservare, ma che tutte concorrono alla sua maggiore o minore riuscita. Ad una organizzazione che non si vedeva da anni e che abbiamo temuto nel tempo di non dover più vedere, si è ora affiancato il caso del "tiro alla fune di spalle" figlio della solita irresponsabilità di fregarmene e creare problemi a tutti gli altri. Ancor più odioso è il cambio di opinione di ora in ora a seconda del risultato e il venire a sfogare rancori privati nella piazza del Gran Torneo. Si tratta di pochi ed isolati elementi che potrebbero tuttavia determinare la decisione di fermare tutto. Ma per ora andiamo avanti richiamando "in servizio" la responsabilità collettiva e risolvendo il caso come merita". Lo stesso sindaco ha poi convocato i responsabili dei Quartieri in Comune per un incontro nel quale sarà affrontato il problema sorto: l'appuntamento è fissato alle ore 18 di martedì. In quell'occasione si deciderà se continuare o meno i giochi.

sessa aurunca tornei dei quartieri rissa tiro alla fune polemiche sospensione
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.