Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

CIAO DAVIDE | L' ultimo saluto dei colleghi universitari. La Procura libera la salma: fissati i funerali. IL VIDEO

01 / 11 / 2018

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


San Nicola la Strada si prepara a salutare per l'ultima volta Davide Natale, il giovane studente di 21 anni morto lunedì pomeriggio a Napoli, ucciso da un albero che lo ha schiacciato mentre stava camminando a piedi insieme ad un amico in via Claudio nel quartiere di Fuorigrotta. La salma arriverà nella chiesa di Santa Maria degli Angeli in piazza alle ore 13:00 mentre i funerali si terranno oggi alle ore 15,30.

Davide era uno studente di Ingegneria Meccanica, tifoso del Napoli ed appassionato di basket. Lunedì si era recato in facoltà per seguire un corso quando il vento forte che ha spirato sul capoluogo campano ha provocato la tragedia. Un albero non ha retto alla forza del vento ed è crollato, colpendolo in pieno. Neanche la disperata corsa in ospedale è servita per salvargli la vita. Sulla sua morte è stata aperta un'inchiesta da parte della Procura di Napoli che indaga per omicidio colposo.

I suoi colleghi, gli amici che la vita ti mette accanto nelle aule universitarie, hanno voluto ricordarlo. Subito, a due passi dall’enorme pino che il vento ha spinto giù. Lì dove Davide Natale stava transitando, diretto a casa dopo i corsi in facoltà. La voce straziata dal dolore di una collega ha raccolto il pensiero di tutti. Noi, non possiamo fare altro che riportarle per intero.

Come una foglia d’autunno, oggi, Davide.
La vita è un breve percorso e ci sono ostacoli
Datti da fare, mete da raggiungere
Questo è noto a tutti.
Ma trovarci qui per te, oggi , Davide
Questo era imprevedibile
La maggior parte di noi non ti conosceva
Eppure tutti ci sentiamo tristi, toccati nell’animo
Da un evento che ha segnato ancora di più
Questo cielo d’ottobre che oggi splende per te
A 21 anni non si dovrebbe morire, così
Non si dovrebbe morire affatto
Quando hai ancora mille sogni e una vita davanti
Chissà cosa avresti fatto oggi, domani o dopodomani
Quante avventure ti avrebbero potuto riempire le giornate
E, invece no, non ci saranno né oggi né domani
Solo un grande vuoto
Non tornerai indietro e nemmeno queste parole allevieranno il dolore
E’ solo che vogliamo arrabbiarci e gridare
Perché tutto questo non sia dimenticato
Perché non succeda mai più
Ciao Davide, dai tuoi colleghi, tutti

 
davide natale morto caduta alberi universita napoli
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.